Gift Card Giunti al Punto da € 50,00

50,00

Gift Card prepagata Giunti al Punto da € 50,00

Add to Wishlist
Add to Wishlist
Condividi con noi!

Descrizione

Gift Giunti al Punto

La Prepagata Giunti al Punto, è una carta elettronica prepagata per i tuoi acquisti e i tuoi regali nei tanti punti vendita Giunti al Punto in tutta Italia.

Le Gift card Giunti al Punto sono spendibili esclusivamente nelle librerie Giunti al Punto.

Gift Giunti al Punto:

La Carta Giunti al Punto è spendibile unicamente per comprare libri (quindi prodotti editoriali con Iva assolta art. 74 DPR 633/72).

Inoltre, non è consentito usare una Giftcard per acquistare un’altra Giftcard e non può essere convertita in denaro.

Se cerchi idee Regalo, Gift, Gift Card, Voucher, Buoni regalo, Carte Regalo, Carte Prepagate, Voucher, Carte Digitali, allora guarda il catalogo Your Gift Card.

Informazioni aggiuntive

Tipologia GIFT CARD

Ecommerce, Entertainment & Hobbies, Libri e Abbonamenti Riviste

Gift Card

,

Come Funziona

La Gift Card Giunti al Punto è valida 12 mesi, è spendibile in più soluzioni ed è cumulabile.
Le librerie Giunti al Punto sono una nuova realtà in crescita e sono ubicate nei centri storici, centri turistici, aeroporti e centri commerciali per essere sempre a portata di mano di ogni lettore.
Per utilizzare la tua Gift Card, stampala e presentala alla cassa di uno dei negozi Giunti al Punto indicati su www.giuntialpunto.it.

Attenzione: la Gift Card Giunti al Punto è valida solo per l’acquisto di libri (prodotti editoriali con Iva assolta art. 74 DPR 633/72) ed è utilizzabile esclusivamente nelle Librerie Giunti al Punto (elenco completo su www.giuntialpunto.it).

Per le Aziende

Le gift card multiuso, che comprendono buoni spesa, benzina e carte prepagate, per la legislazione italiana sono considerate beni in natura.

I beni in natura non sono soggetti a contribuzione e/o tassazione né per l’azienda che li eroga, né per chi li riceve.

  • Contributi welfare unilaterali: per il dipendente non costituiscono reddito imponibile ai fini fiscali e previdenziali. Per l’azienda sono al 100% deducibili per importi entro la soglia dei fringe benefit (258,23€ all’anno) o quando l’erogazione avviene come adempimento di un obbligo definito in un regolamento aziendale; in assenza del regolamento aziendale è ammessa la deducibilità entro il limite del 5/1000 del costo del lavoro indicato in bilancio.
  • Conversione del premio di risultato: i vantaggi fiscali sono previsti per i dipendenti con redditi annui inferiori a 80.000€ e per un importo convertito di massimo € 3000 all’anno per dipendente. Come per i contributi welfare CCNL, quando il premio di risultato viene convertito in welfare, per l’azienda è prevista la piena deducibilità e per il dipendente gli importi convertiti non costituiscono reddito imponibile ai fini fiscali e previdenziali nel caso di conversione di premio di risultato è inoltre ammessa la possibilità di superare le soglie di deducibilità normalmente previste per la previdenza complementare (€ 5.164,57) e l’assistenza sanitaria integrativa (€ 3.615,20). Per i lavoratori con reddito superiore a € 80.000 annui gli accordi possono prevedere il riconoscimento del premio sotto forma di welfare, con la conseguente attribuzione dei medesimi benefici fiscali previsti per i dipendenti con redditi inferiori a 80.000€ annui, solo nel caso in cui non sia prevista come alternativa la sua conversione monetaria.
  • Contributi welfare CCNL: per il dipendente non costituiscono reddito imponibile ai fini fiscali e previdenziali e per l’azienda sono costi aziendali deducibili al 100%

Ti potrebbe interessare…